NOVITÀ: in ANTEPRIMA per seguire meglio questa ondata di freddo, ecco il NUOVO WRF. Scopri le MAPPE nel dettaglio su NEVE, PIOGGIA, VENTO, e non solo. Clicca QUI

Meteo Gennaio: il MESE invernale più FREDDO dell'anno farà PARLARE di sè. SI prospetta GELIDO e NEVOSO sull'ITALIA. LA TENDENZA


di  Redazione, 09-12-2021 ore 19:30      Condividi su facebook  Condividi su whatsapp  


La situazione atmosferica del mese di gennaio potrebbe evolvere verso un condizionamento climatico a carattere molto freddo, date le possibili sovrapposizioni di indici teleconnettivi favorevoli a tale scenario. Ovviamente, il nostro intento è solo quello di analizzare la possibile evoluzione del mese in questione, soltanto come linea di tendenza e non come certezza previsionale, pertanto sempre soggetta a nuove dinamiche con i prossimi aggiornamenti.

Come potrebbe trascorrere il mese di gennaio?

Durante la prima decade, le condizioni generali potrebbero presentare una linea evolutiva predisposta a blocchi atlantici e sortite di aria artica verso l'Europa. Il tutto favorito dai vari incastri degli indici teleconnettivi di riferimento, con predisposizione di ondulazioni più pronunciate e indirizzate fino alle nostre latitudini. Ci aspettiamo pertanto la possibilità che aria molto fredda, probabilmente di origine continentale-siberiana, possa sfociare fino alle porte del mediterraneo e condizionarne pesantemente il clima. Le temperature dovrebbero segnare valori al di sotto delle medie, anche di diversi gradi e le precipitazioni risultare comunque nella media, con la probabilità che siano sotto forma nevosa fino in pianura. Le zone maggiormente colpite sarebbero quelle settentrionali ed adriatiche in genere. Non si esclude però un coinvolgimento più esteso del freddo e delle nevicate su gran parte d'Italia. Una prima parte di gennaio quindi probabilmente d'altri tempi.

Nella seconda decade del mese, le condizioni climatiche dovrebbero risultare leggermente differenti, con un recupero momentaneo del vortice polare sulle sue zone di competenza e correnti zonali in rinforzo, con aria più umida nord atlantica in ingresso sull'Europa centro-occidentale e sull'Italia, mentre l'aria gelida continuerebbe a governare il clima dell'Europa dell'est, restando comunque sempre in agguato per riconquistare anche la restante parte dell'Europa. In questa fase le temperature avrebbero modo di riportarsi su valori all'interno della media del periodo e le precipitazioni invece risultare un pò al di sopra della norma, con piogge in pianura e neve in montagna.     

Nella terza decade, i movimenti atmosferici potrebbero riproporre nuovi blocchi atlantici ed incursioni gelide siberiane nuovamente in retrogressione verso l'Europa. Ecco che si ripresenterebbe quindi l'occasione per un clima molto freddo su tutta l'Italia, con la possibilità di nevicate in pianura più frequenti e su una fetta più estesa del territorio del nostro Paese. Difatti, in questa ultima parte di gennaio, potrebbero essere possibili dei risvolti nevosi in diverse città italiane da nord a sud. Temperature quindi al di sotto delle medie e freddo molto intenso.

In sunto, ci sentiamo di affermare, che la linea climatica generale di gennaio possa mantenersi su valori freddi al di sotto della norma con periodi più favorevoli ad occasioni gelide e possibili nevicate anche in pianura.

SCOPRI le PREVISIONI del TEMPO per la tua CITTA' (CLICCA QUI)




LEGGI ANCHE